Quondam
Aura Aestus Color

QUONDAM nasce dal bisogno di sperimentazione e di ricerca di tre giovani Designer e Decoratori Italiani: Stefano Bravo, Alessia Sarain e Isabella Tosi. L’approccio al design critico, non ancora diffuso in Italia, è per il gruppo la strada giusta per uscire dall’inflazionamento del design e dalla poca attenzione nei confronti della cultura artistica Italiana. Attraverso il Critical Design QUONDAM vuole sensibilizzare sul valore delle tecniche artigianali e decorative, nonché sui famosi mestieri d’arte che hanno caratterizzato la storia del saper fare italiano applicandoli a prodotti che trattano tematiche sensibili alla società attuale.

QUONDAM riscopre la tradizione artistica italiana e la restituisce al suo pubblico come mezzo critico e di denuncia, volto a mettere in luce le dinamiche che hanno creato una situazione di instabilità nelle realtà artigiane italiane. Problemi come l’obsolescenza del prodotto finito e la mancanza di ricambio generazionale nel settore sono raccontati attraverso la produzione di prototipi che reinventano le tecniche prese in analisi. Il tutto accompagnato dalla messa in opera di allestimenti volti a denunciare temi come la regolamentazione del lavoro artigiano.

AURA AESTUS COLOR è un allestimento esperienziale dedicato al vetro di Murano e in particolare alla vetrata a rulli veneziana. Il progetto racconta non solo quelle che sono le sensazioni trasmesse dalla tecnica, ma intende approfondire il tema scoprendo la storia del vetro, come questa è diventata una delle più rinomate tecniche artigianali italiane e di come stia per essere dimenticata a causa di forze maggiori. L’allestimento sarà composto da installazioni e campionature di materiali utilizzati per la produzione del vetro, proibiti e non; accompagnati da prototipi progettati da QUONDAM e realizzati in collaborazione con le maestranze muranesi. Filo conduttore di AURA AESTUS COLOR è il tema della cura visto attraverso un 0cchio clinico che guarda alla rinascita.